BANDIERA DEL REICH IN CASERMA? SI, MA DI 60 ANNI PRIMA DI HITLER

BANDIERA DEL REICH IN CASERMA? SI, MA DI 60 ANNI PRIMA DI HITLER

A cura di Giorgio La Porta – Se non fosse una cosa seria ci sarebbe da ridere. Un atto di puro isterismo si è diffuso in rete in un sabato sera degli italiani. Una bandiera nazista sarebbe apparsa in un alloggio di una caserma dei Carabinieri di Firenze e il tutto è documentato da una foto di questa finestra.

La notizia vola sui quotidiani online tanto che lo stesso Corsera lo mette come prima notizia e titola ‘Firenze, bandiera del Reich nella caserma dei Carabinieri, aperta inchiesta‘. Pochi minuti dopo è la stessa Ministra della Difesa Pinotti ad intervenire con la durezza degna di una donna a capo del dicastero delle forze armate che in un tweet dichiara “Chi espone una bandiera del Reich non può essere degno di far parte delle Forze Armate. Ho già chiesto al Comandante generale dei Carabinieri chiarimenti rapidi e provvedimenti rigorosi verso i responsabili di un gesto così vergognoso”.

Cosa c’è di comico se non addirittura di ridicolo? Che quella bandiera non c’entra nulla con Hitler perché risale al 1871, ben 18 anni prima della nascita del Fuhrer. Sarebbe bastato alzare il telefono e chiamare il primo responsabile di un museo storico, facendogli vedere la foto per evitare di creare questo incidente che fa capire tutta l’ignoranza storica dello staff del Ministro.

La cosa grave è sapere se sia stata realmente aperta un’inchiesta e quanto questa costerà ai cittadini italiani. Fossi un parlamentare presenterei domattina un’interrogazione per sapere quanti soldi sono stati spesi e se sia stata effettivamente fatta.

Quali siano le differenze con i neutrini della Gelmini sarà la storia a giudicarlo, intanto iniziamo tutti a tremare per la possibile approvazione della legge Fiano…

Perché se una bandiera del 1871 viene ritenuta nazista, io inizio ad aver paura a tenere in casa i libri di Giolitti, una foto di Cavour, la divisa garibaldina del bisnonno e di ascoltare l’Inno a Roma di Puccini del ’19.

Pubblichiamo con coraggio questo articolo controcorrente e ricordiamoci sempre che ‘è meglio un giorno da leoni che 100 da pecora‘. Pinotti, è una frase del ’17 non ci provare!!

By |2017-12-07T01:06:02+00:00dicembre 2nd, 2017|ITALIA|2 Comments

About the Author:

2 Comments

  1. Max Dic 3, 2017 at 21:37 - Reply

    Questa bandiera viene usata dai neo nazisti tedeschi in quanto la croce uncinata è vietata .
    Quindi è un simbolo neo nazista.
    Se volete Vi posto le foto, ma basterà farvi un giro veloce su internet e vedrete se è vero o no, lo scrivono anche giornali di centro destra.
    Vediamo se avete “il coraggio” di correggere l’articolo

    • redazione Dic 3, 2017 at 23:02 - Reply

      Se le brigate rosse usassero la bandiera del Pd dovremmo proibire questa bandiera? Ma che razza di ragionamento è. Il Ku Klux Klan usa il crocifisso nelle processioni, vogliamo abbattere le chiese e proibire il crocifisso? E’ un simbolo pre-nazista l’uso che se ne fa è cosa diversa. Puoi usare la corrente elettrica per accendere una lampadina o per fare una sedia elettrica e la colpa non è dell’elettricità. Noi non correggiamo nulla, perché non c’è nulla da correggere, tranne l’ignoranza cronica dei ministri di questo Governo.

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: