L’ITALIA RIPARTA DAL CENTRODESTRA

L’ITALIA RIPARTA DAL CENTRODESTRA

di Riccardo Boccolucci – L’Italia deve ripartire. E’ Lunedì, precisamente il 09 di aprile, e son passati ben 37 giorni dal fatidico 4 marzo. Quest’oggi il mio pensiero va a tutti quegli italiani che sono andati a votare con la speranza di un cambiamento, aspettandosi ragionevoli  risposte dalla politica, su tanti problemi: sicurezza, immigrazione, occupazione, formazione e sviluppo. I partiti devono poter guardare metaforicamente negli occhi i propri elettori e dire se effettivamente sono in grado di dare queste risposte.

In questi giorni, dopo un primo giro di consultazioni fallimentare, stiamo assistendo ad un teatrino che ci riporta, come se fossimo in una macchina del tempo, alla Prima Repubblica.

Luigi Di Maio, il capo politico del MoVimento 5 Stelle, sta camminando in un intricato labirinto dal quale potrebbe avere difficoltà ad uscire: dopo aver tentato invano di sfasciare la solidissima alleanza di centrodestra, ponendo un veto su Silvio Berlusconi, adesso sta corteggiando spudoratamente il Partito Democratico, proprio quel partito che nel lontano 2013 aveva proposto loro un medesimo “contratto di governo“, ricevendo di risposta una sonora umiliazione. Che faccia tosta! L’Onorevole Di Maio, insieme a tutta la truppa pentastellata, dovrebbe smetterla di comportarsi come se avesse vinto le elezioni. È arrivato secondo. Oggi deve dire se il Movimento 5 Stelle è disposto a tornare con i piedi per terra per dare una mano a chi è arrivato primo nel fare un Governo in grado di affrontare i problemi reali dei cittadini.

La coalizione di centrodestra, la quale ha vinto le elezioni con il 37%, ma che non ha sufficienti seggi per formare una maggioranza di Governo, deve presentarsi dal Presidente Mattarella con un programma realizzabile, chiedendo in aula i voti per poterlo fare. Un programma di pochi punti, semplici e condivisibili: una riforma che regoli in modo adeguato il fenomeno dei flussi migratori, un progetto per dare maggiore sicurezza alle nostre città in un momento storico in cui la minaccia terroristica torna a farsi sentire prepotentemente, una riforma dell’istruzione, partendo dalla scuola primaria fino ad arrivare all’Università, senza dimenticare gli sgravi fiscali alle imprese e ai lavoratori, per creare maggiore occupazione a partire dai nostri giovani.

 Il Parlamento, il quale può lavorare anche senza un Governo, si impegni duramente per dare al Paese una nuova legge elettorale, aggiungendo un semplice premio di maggioranza, che ci consenta di sapere chi ha vinto e chi guiderà il paese il giorno dopo le elezioni, senza dover assistere a questi teatrini che non ci fanno onore.
La nostra pazienza non è infinita, gli italiani vogliono sapere chi li governerà. Il mondo riparte, cresce, ma noi arranchiamo in giochi di potere, a causa di una legge elettorale scellerata. La speranza è l’ultima a morire, e speriamo che nei prossimi giorni si trovi una soluzione adeguata e consona al grande Paese che siamo, e se non ci sarà questa possibilità, la parola deve tornare agli elettori, al Popolo Sovrano.
By | 2018-04-09T14:12:33+00:00 aprile 9th, 2018|CENTRODESTRA, in evidenza, ITALIA|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: