PASQUA 2017 – UNA LUCE SICURA PER NON SENTIRSI AL BUIO.

PASQUA 2017 – UNA LUCE SICURA PER NON SENTIRSI AL BUIO.

 A cura di Francesco Severa – Purtroppo non è raro di questi tempi sentirsi al buio. Lo smarrimento sembra essere un persistente stato d’animo in un mondo in cui tutto pare andare a rotoli. Questa società che viviamo sembra essere costruita su un’idea di progresso che altro non è che sacrificio del presente. Tutto va costruito e deve ruotare intorno ad un modello di uomo futuro e futuribile, che con gli esseri in carne ed ossa che oggi abitano questa terra sembra non avere nulla da spartire. E proprio mentre ci sentiamo orfani di noi stessi – o forse in virtù di questo fatto – ci scopriamo vulnerabili all’odio sanguinario di un terrorismo che sentiamo insensato e irrefrenabile; vulnerabili all’arrivo di migliaia di poveri cristi, così geograficamente vicini ma così culturalmente lontani; vulnerabili perché impotenti di fronte le sfide di un mondo che non sappiamo più controllare. Ma quel che più ci spaventa è la consapevolezza profonda che nessun cuore può dirsi immune davanti al male, nemmeno il nostro. <<Tutti gli uomini, se istigati, possono diventare criminali; tutti gli uomini, se ispirati, possono diventare eroi>>.

Eppure in questa oscurità che fa spavento una luce è stata accesa, viva, dolce, eterna. La Pasqua ci offre quella intima certezza alla base della nostra Fede; ci offre un fatto che è il solido fondamento che ha permesso a questa nostra Civiltà nel corso dei secoli di definirsi e considerarsi libera. Cristo è risorto ed il suo sepolcro è vuoto. Il male, che sulla Croce sembrava per un attimo aver inghiottito ineluttabilmente ogni cosa, è stato sconfitto dall’amore infinito. Il legno della Croce, strumento di martirio, si è trasformato nel simbolo eterno di questa vittoria. Eterno perché eternamente operante. Cristo, con il suo sacrificio, ha piegato la morte una volta per sempre. Ecco perché la paura e lo smarrimento non possono più incatenarci. Sappiamo che essi sono limitati e finiti. Siamo liberi perché consapevoli che il male ha ricevuto la sua condanna definitiva.

A pensarci, quanto riesce ad essere solido e tangibile il vuoto del sepolcro di Cristo. La pietra all’entrata è stata divelta e comincia a filtrare la luce nel buio delle insicurezze umane. <<Il buio su Dio e il buio sui valori sono la vera minaccia per la nostra esistenza e per il mondo in generale>>. Eppure abbiamo la certezza che una luce sicura la vedremo sempre all’orizzonte; la luce che ci ricorda dove sia il confine sottilissimo tra il bene il male; la luce che soprattutto ci rammenta che, nonostante le loro nefandezze, ad essere condannati non sono stati gli uomini ma il peccato. È questa solenne promessa di riscatto a rischiarare la notte. Et nox sicut dies illuminabitur.

By | 2017-04-16T11:51:09+00:00 aprile 16th, 2017|ITALIA, MONDO|0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: