SCEGLI TU IL PROGRAMMA PER IL CENTRODESTRA DI GOVERNO

SCEGLI TU IL PROGRAMMA PER IL CENTRODESTRA DI GOVERNO

“Un programma per il Governo di centrodestra” è l’iniziativa che centro-destra.it vuole lanciare sul web. Abbiamo le idee ben chiare su cosa vorremmo veder realizzato nei prossimi 5 anni, ma siamo una piattaforma social e vogliamo chiedere a voi quali siano le vostre priorità per poterle poi sottoporre all’attenzione di chi dovrà redigere il programma elettorale.

Proprio nelle prossime ore Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Giorgia Meloni si riuniranno per scrivere la proposte prioritarie da presentare come programma di Governo per la prossima legislatura. Intendiamo dargli le vostre indicazioni su cosa vorreste trovare nel programma di Governo.

Lanciamo questa sfida chiedendovi di darne la maggiore diffusione possibile, proprio per legittimare questa iniziativa di partecipazione social.

Abbiamo individuato un lungo elenco di punti e vi chiediamo di leggerli attentamente e votarne un massimo di 5, in base alle vostre priorità. Dopo aver votato potete anche lasciare un commento sotto per lanciare le vostre proposte.

Il nostro obiettivo è iniziare a puntare l’attenzione non solo su chi sarà il candidato premier, ma sulla sua agenda dei lavori e ci piacerebbe se i leader politici ascoltassero le vostre priorità.

Noi glielo sottoporremo come abbiamo fatto in passato in occasione di precedenti iniziative, voi dal canto vostro fate la vostra parte e votate un massimo di tre proposte. Abbiamo scritto tante cose che il centrodestra del passato ha già dimostrato di essere in grado di realizzare, molte da terminare e molte altre che sono assolutamente nuove. Votate le vostre priorità, scriveteci le vostre proposte e condividete questa pagina su facebook e twitter per far votare anche i vostri amici, gli iscritti o i simpatizzanti che sapete voteranno per questa area politica.

Il nostro obiettivo è avere per il primo giorno del nuovo anno un programma elettorale, così quando ci concederanno finalmente di votare avremo già le idee chiare sulle vostre priorità.

UN PROGRAMMA PER IL CENTRODESTRA DI GOVERNO. Scegli le priorità da scrivere nel programma elettorale. Puoi votare fino a 5 risposte:

  • Espulsione dei clandestini (6%, 288 Votes)
  • Flat Tax (4%, 220 Votes)
  • Chiusura dei campi rom (4%, 210 Votes)
  • Riforma della Giustizia (4%, 200 Votes)
  • Difesa dell'agricoltura italiana (4%, 197 Votes)
  • Reintroduzione della leva obbligatoria (4%, 197 Votes)
  • Legge sulla legittima difesa (4%, 188 Votes)
  • Abolizione legge Fornero (3%, 178 Votes)
  • Investimenti nella sicurezza (3%, 174 Votes)
  • Referendum si/no Euro (3%, 171 Votes)
  • Sostegno della natalità (3%, 171 Votes)
  • Sostegno fiscale per le imprese (3%, 142 Votes)
  • Tutela del Made in Italy (3%, 142 Votes)
  • Presidenzialismo (3%, 139 Votes)
  • Detassazione di chi assume (3%, 133 Votes)
  • Riforma della Costituzione (2%, 119 Votes)
  • Lotta all'evasione fiscale (2%, 114 Votes)
  • Aiuti alle famiglie (2%, 112 Votes)
  • Riforma del Lavoro (2%, 112 Votes)
  • Legalizzazione della prostituzione (2%, 110 Votes)
  • Riforma del sistema bancario (2%, 105 Votes)
  • Difesa dei valori cristiani (2%, 102 Votes)
  • Regolamentazione car sharing e new economy (2%, 102 Votes)
  • Tassazione dei colossi del web (2%, 101 Votes)
  • Aumento delle pensioni (2%, 98 Votes)
  • Abolizione dei finanziamenti alla stampa (2%, 93 Votes)
  • Investimenti nella Sanità (2%, 92 Votes)
  • Sostegno alle giovani coppie (2%, 91 Votes)
  • Sostegno alla green economy (2%, 88 Votes)
  • Legge anti lobbies (2%, 88 Votes)
  • Investimenti nella Ricerca (2%, 83 Votes)
  • Mappatura dei luoghi di culto (2%, 80 Votes)
  • Detassazione della cultura-turismo (1%, 77 Votes)
  • Potenziamento infrastrutturale del polo trasporti (RFI) (1%, 67 Votes)
  • Nuova legge elettorale (1%, 66 Votes)
  • Informatizzazione PA e info ministeriale (1%, 66 Votes)
  • Abolizione delle regioni a statuto speciale (1%, 65 Votes)
  • Riduzione del numero dei parlamentari (1%, 65 Votes)
  • Riforma scolastica (1%, 61 Votes)
  • Informatizzazione della cultura e del turismo (1%, 49 Votes)
  • Realizzazione delle grandi opere (1%, 48 Votes)
  • Agevolazione di luoghi comuni in cui fare e pensare impresa e Startup (1%, 39 Votes)
  • Abolizione della Legge Severino (1%, 37 Votes)
  • Riforma del diritto dei consumatori (1%, 28 Votes)
  • Abolizione della caccia (0%, 24 Votes)
  • Investimenti nell'industria dell'intrattenimento (0%, 23 Votes)
  • Legge sulla violenza negli stadi (0%, 22 Votes)

Total Voters: 1.066

Loading ... Loading ...

 

 

By | 2017-12-07T12:07:47+00:00 dicembre 7th, 2017|CENTRODESTRA, sondaggio|27 Comments

About the Author:

27 Comments

  1. Marcello Dic 7, 2017 at 15:25 - Reply

    I danni che sono stati fatti in questi anni sono APOCALITTICI, altro che 5 priorità, si dovrebbe poterne votare almeno 15….
    Avanti Tutta..

  2. Angelo Maria Dic 7, 2017 at 15:27 - Reply

    Vi siete dimenticati della legge sul diritto alla difesa in casa propria!!

    • redazione Dic 7, 2017 at 16:03 - Reply

      Hai perfettamente ragione, la aggiungiamo subito sotto la voce legge sulla legittima difesa.

  3. Angelo Maria Dic 7, 2017 at 15:29 - Reply

    Divieto di accattonaggio e zingari a casa propria!!

  4. Generoso Dic 7, 2017 at 19:03 - Reply

    Bisogna inserire il tema dello snellimento della burocrazia… Pochi leggi e chiare… E poi riforma fiscale IRPEF

  5. DAVIDE BETTI BALDUCCI Dic 7, 2017 at 19:42 - Reply

    Estensione legge Mancino

  6. Alessandro Currenti Dic 7, 2017 at 21:40 - Reply

    5 Priorità :_pensioni ,occupazione,salute,made in Italy . e Berlusconi . da #icuorinelpdl

    • redazione Dic 7, 2017 at 23:37 - Reply

      dovresti votarli nel sondaggio.. altrimenti non possiamo conteggiarle

  7. marco eletti Dic 8, 2017 at 11:11 - Reply

    reputo molo importante detassare i giovani che aprano un esercizio commerciale e piccolo artigianato. finanziamenti agevolati e nessun gabello per 5 anni,…..nessun

    cavillo burocratico, solo fedina penale pulita e diploma scuola media.. minimo.
    eliminare vitalizi e pensioni d”oro, ripristino servizio militare di leva ( 5 mesi massimo)

  8. marco eletti Dic 8, 2017 at 11:12 - Reply

    bella iniziativa la vostra!!!!

    • redazione Dic 8, 2017 at 12:03 - Reply

      grazie tantissimo, iscriviti alla newsletter e riceverai ogni settimana una selezione dei migliori articoli.

  9. Pietro Mario Basile Dic 8, 2017 at 12:23 - Reply

    5 priorità sono poche.

    • redazione Dic 8, 2017 at 13:09 - Reply

      votate le 5 priorità e poi lasciate un commento se ne avete di più…

  10. Rosa Covello Dic 8, 2017 at 14:49 - Reply

    Sono tutti molto interessante queste legge ma le priorità sono molto di quelli che ho messo ciòe 5

  11. Salvatore Conti Dic 9, 2017 at 11:10 - Reply

    Il centro destra attuale senza un capo, non puo’ durare. Non si puo’ pensare che Berlusconi sia eterno e che venga riabilitato. La Sinistra farà di tutto per ostacolarlo. Non si puo’ neanche pensare che i voti vadano a Salvini e Meloni : sono ancora giovani. Nessun ingresso nuovo è stato fatto in Forza Italia. Ha ragione Salvini: Berlusconi non puo’ pensare di calare dall’alto il candidato alla Presidenza del Consiglio.

    • redazione Dic 9, 2017 at 13:45 - Reply

      L’articolo riguarda le priorità del programma elettorale e non i leader…

  12. Pietro Mario Basile Dic 9, 2017 at 11:18 - Reply

    6) Flat Tax;
    7) Sostegno della natalità;
    8) Aumento delle pensioni;
    9) Sostegno alle famiglie;
    10) Chiusura campi Rom;
    11) Tutela del made in Italy;
    12) Difesa dell’agricoltura italiana.

  13. enzo Dic 9, 2017 at 17:44 - Reply

    La prima cosa da fare è: ELIMINARE I VITALIZI, poi : a quelli che vogliono essere chiamati onorevoli ( che metterei avanti alla parola perché se ne fregano del popolo ) infine: andare in pensione come vogliono che vadino gli operai, eliminare tutti i privilegi, e basta fargli avere pensioni da nababbi…. Soltanto dopo l’Italia sarà bella e rispettata al mondo…

  14. Mario Dic 9, 2017 at 18:13 - Reply

    Io ne ho votato solo quattro perchè manca il più impirtante e quindi prioritario. Se ve lo avete tralasciato non avete capito un bel niente e siete i soliti degli ultimi venti o trenta anni.
    RIFORMA STRUTTURALE E CULTURALE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE.

    • redazione Dic 10, 2017 at 22:41 - Reply

      Ma che minchia vuol dire la riforma culturale della pubblica amministrazione? Ma invece di salire sul pulpito e scrivere commenti con errori lessicali ( se ve lo avete tralasciato è un’altra lingua) perché non ti sei limitato a votare come hanno fatto tutti gli altri?

      • Mario Dic 11, 2017 at 22:11 - Reply

        Anche “impirtante” è un’altra lingua: “quella digitale”. Ovviamente in un sito che un aiutino in negativo non se lo risparmia. La “minchia” la lascio volentieri in bocca dell’estensore. Non dal pulpito ma terra terra: “una pubblica amministrazione al servizio del cittadino” pensate che in Italia sarà ancora possibile? O vi va bene che ogni impiegato della P.A. debba “legiferare” non solo con circolari “esplicative” o regolamenti “interpretativi” ma anche, poi, soprattutto con immancabili determinazioni “personali”. Il riscontro non manca ad ogni occasione anche la più elementare se interlocutore è la P.A. Generoso il 7/12 mi pare abbia scritto in questo senso e con “immancabili errori lessicali”… e la “minchia” non è stata disturbata. Cordialmente.

        • redazione Dic 12, 2017 at 17:27 - Reply

          La riforma culturale della Pubblica amministrazione non vuol dire nulla e anche dopo 8 righe di spiegazione nessuno ha capito nulla. Prima di insegnare qualcosa a quelli degli ultimi 20-30 anni (anche questa la capisci solo te) dovresti imparare anche un po’ d’umiltà. Non avete mai votato niente e applaudito davanti agli spot tv; quando vi mettiamo davanti a 45 priorità del programma elettorale diventate tutti professoroni. Ma per cortesia!

  15. stefano Dic 11, 2017 at 14:14 - Reply

    grazie per l’iniziativa…..sembra sfuggire il problema degli stipendi che son bassi….fermi a qualche lustro fa…sbaglio?

  16. Enrico de Angelis Dic 12, 2017 at 12:21 - Reply

    Prima di tutto, per poter fare qualsiasi programma, necessita una federazione di centro destra, senza escludere nessuno. La federazione o altro deve sancire innazituttiùo cosa significa essere di centro destra, quali i valori imprescindibili, e vietare a chi ci starà di riproporre in manifestazioni o altro simboli del passato ormai andato. Ci vuole una propensione a fare futuro e quindi guardare al futuro. Evitiamo così allarmismi stronzi e strumentali. Io chiamerei anzi inviterei anche Casa Paund e FB, così da chiudere con un valore unitario del quasi 51%, il che darebbe modo di portare avanti come ha fatto la sinistra le proprie cose e programma con colpi di maggioranza e fiducia. Poi prima delle elezioni si firma un accordo imprescindibile che o si resta in coalizione o si và via dal parlamento, perchè l’elegibilità è per mandato popolare e non per il singolo parlamentare. Poi una elezione interna fra gli astanti per eleggere il segretario politico e premier. Io se fossi Berlusconi, avanzerei la proposta di divenire per alzata di mano a Presidente onorario. Per lui, per noi, sarebbe la degna chiusura della sua scesa in politica e lasciare che il centro destra si cementifichi attorno alla possibilità di fare futuro per l’Italia, per il suo popolo, per i suoi giovaqni. Ripeto suoi!!!!!!!!!!!

    • redazione Dic 12, 2017 at 12:54 - Reply

      Limitiamoci a votare le priorità del programma elettorali. Una coalizione con Casa Pound è impensabile. Hanno appena avuto la possibilità di esprimersi in un ballottaggio e non sono arrivati poi chissà quanti voti alla candidata di Fratelli d’Italia. Ora si tengano la giunta grillina.

  17. Enrico de Angelis Dic 12, 2017 at 12:58 - Reply

    Riforme poi sarebbero necessarie evitando il guazzabuglio che oggi impera nelle nostre istituzioni e ciò che necessita per sostenere i poveri, sostenere i meno ambienti e fare futuro che serve per fare anche posti di lavoro. E l’unica materia prima che l’Italia ha è il turismo nel suo complessivo. Siamo il paese con maggir cose, pezzi e antichità che esista al mondo, ne sia mo pieni, ma finora lo abbiamo quasi rilegato a problema, senza mettere tutto ciò che sarebbe turismo in circuito e così fare milioni di posti di lavoro infiniti, ed economia. Abbiamo assistito che dirigenti manager di grandi musei e struttuyre come il Palazzo Reale di Caserta, liberato da tutti e tutto, stia diventando un centro affasciunante da visitare e condividere , pensate se tutto fosse posto in questo termini, ed è l’unico compito economico strutturale del paese da fare bene . Pensate anche che come turismo siami il paese che si affacia nel Mediterraneo con minor porti turistici tra tutti quelli che sono sulle coste del mare nostrum. Impensabile e sconvolgente. Poi l’indotto che nascerebbe attorno al turismo museiale, ambientale. Lo Stato poi per le imprese deve interessarsi nella sveltezza e serenità di aprire ed avere licenze e null’altro se non tasse ragionavoli, poi nessun altro aiuto, Chi ci saprà stare resta a fare impresa, chi lo fà solo per gli incetivi statali elargiti finora, deve sapere che non ci sono più. Poi le pensioni. Il lavoratore deve avere interamente ciò che anche il datore di lavoro paga oggi per pensione e sanità, e lui si farà la sua pensione privata e sanità privata se vuole, la sanità pubblica sarà gratis fino a 30o mila euri annui, poi si paghetanno i tichet fino a 60 mila euro, ed a pagamento sopra questa cifra. Azzerare tutti i servizi a pagamento con licenze comunali, tipo taxi. Esse saranno date a cooperative e non ai singoli, e come in USA i taxi dovranno camminare 24 ore
    Come negli USA chiunque perda o cerchi lavoro deve andare in strutture che cercano e distribuiscono lavoro, e vengono da loro mantenuti con un quota sociele diciamo, Ma la mattina si và in questi uffici e secondo il sapere personale si dà una mano, poi nelle varie liste che verranno fatte a secondo i titoli ed i corsi, si verrà chiamati per il proprio posto. Ma se ci sono posti come autista di taxi, lo si và a coprire anche se nella graduuatoria sarà sempre nel posto che gli spetta come sapere personale. Se si rifiuta non si ha diritto a nulla. Solo così daremo a tutti la possibilità di lavorare e di essere mantenuto socielmente ma con trasparenza. Non come oggi che gli diamo i vari sussidi, che spesso si sommano e li lasciamo liberi di andare a labvorare in nero, avendo tutte le agevolazioni dello status, ma non pagando nulla, e di fatto lucrare maggiormente di chi ha un lavoro e paga tutto!!!!!!!!!! Poi presidenzialismo di tipo americano con numeri della politica e dei politici parametrati con quelli degli USA secondo le differenze della popolazione. Gli USAQ con 360 milioni di abitanti hanno 100 senatori e 440 deputati. Noi con 59 milioni di abitanti abbiamo 215 senatori e 630 deputati, uno scandaloso stipendifico!!!!!!!!!!!!!Irritante e super pagati. Pensate che anche come numero di auto blu, gli USA hanno 90 mila auto blu; noi 650 mila!!!!!!!!!! Uno scandalo immenso. A tutto questo aggiungete che il presidente uSA percepisce 250 mila dollari e nessuno prende più di lui. Noi abbiamo il Presidente della Repubblica che prende due volte tanto, e il segretario capo di palazzo madama prende quasi più di lui; come i due aggiuta e carica orologi di camara e senato che prendono una marea di soldi per stipendio e sono anche considerati usuranti. Per fare la rivoluzione senza drammi, abbiamo bisogno di tutti, anche Casa Paund e FN tutti quelli che sono di destra, con regole ferrei su simboli e slogan per evitare strumentazioni, ma servono per raggiungere il 51% e fare la rivoluzione cambiando tutto legalmente!!!!!!!!!!!!!

  18. Massimo Samperi Dic 17, 2017 at 17:57 - Reply

    Un programma completo, congruente con l’attuale situazione economica esociale, non dovrebbe dimenticare la tutela degli italiani all’estero che rappresentano una grande risorsa culturale ed economica vuoi per l’esportazione in genere che del made in Italy in particolare con rafforsamento della rete delle Ambasciate e degli addetti commerciali. Nonchè la tutela degli italiani con una legge seria sulla immigrazione e sulla possibilità di risiedere per gli stranieri ed i ROM con l’istituzione di un tiket turistico di accesso da pagare in aereoporto per avere fondi da destinare alla manutenzione delle opere di valore del grande museo all’aperto che è l’Italia

Leave A Comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: