Elezioni Provinciali. A Trento la Lega strappa la provincia al Pd. A Bolzano, nel collegio della Boschi, la Lega prende il triplo dei voti del Pd.

Quando c’è da riempire piazze e piazzette, convocare l’Onu o lanciare allarmi sul fascismo e sul razzismo, il Pd dimostra ancora una certa capacità organizzativa. Quando però il popolo sovrano va a votare e ad esprimere il proprio consenso elettorale, allora è la Lega a stravincere e la coalizione di centrodestra a dimostrarsi la più forte in Italia.

E’ ciò che sta avvenendo in queste ore nel Trentino che vota per le elezioni provinciali, dove la Lega ottiene il doppio dei voti del partito democratico strappando la presidenza della Provincia al centrosinistra.

Non va meglio per il PD nella provincia di Bolzano dove Maria Elena Boschi aveva il suo collegio elettorale. Il tonfo del Pd arriva anche qui e Salvini porta a casa quasi il triplo dei voti del partito di Renzi.

Se andiamo poi a Bolzano città il risultato definitivo è davvero eclatante e la Lega è il primo partito con il 27,8% superando per la prima volta la fortissima SVP, Sudtiroler Volkspartei, che ha sempre fatto il pieno di voti e che stavolta deve accontentarsi di un magrissimo 16%.

Cambia la geografia politica dell’estremo nord e il centrodestra porta a casa un territorio che fino a qualche anno fa era impossibile conquistare.

Matteo Salvini si è impegnato in prima persona in campagna elettorale fissando un tour serrato che lo ha portato a spendersi in ogni lato di questo territorio.

La scelta di candidare uno dei suoi uomini più forti, ovvero il sottosegretario Maurizio Fugatti, leghista della prima ora, ha poi dato quella marcia in più ad una corsa che vede in questo momento dello spoglio il centrodestra vicino al 47%.

[ratings]

SE SALVINI FONDASSE UN NUOVO PARTITO SARESTI PRONTO A VOTARLO?
Vota